filibeck

14/04/2017
UN'AUDIZIONE FRANCAMENTE DELUDENTE

audizione

          
       

Non  abbiamo mai pensato potesse essere il tempo ed il luogo in cui tutto  magicamente si risolvesse. Neppure però quello in cui le domande per capire lo  "stato dell'arte" circa i problemi della mobilità  nel Sud-Est Milano, nell'Alto  Lodigiano, nel Cremasco fossero poste a noi ed agli amministratori del  territorio dai consiglieri regionali, come in un surreale ribaltamento dei  ruoli dove gli interroganti sono divenuti assurdamente interrogati. E a rendere la cosa ancora più vuota  l'assenza dell'Assessore regionale alla partita Alessandro Sorte. Un vero e  proprio fantasma che ha ben pensato di disertare anche l'appuntamento odierno,  dopo non essere stato mai presente alle 5 assemblee pubbliche da noi  co-organizzate con le locali amministrazioni a Paullo, Pantigliate, Peschiera,  Gorgonzola e Truccazzano dal novembre scorso ad oggi. 

     

chiara
       

     

Insomma poco si è capito di  ciò che sarà  del prolungamento della MM3, che tutti a parole dichiarano essere  la vera infrastruttura di trasporto pubblico occorrente per il territorio ma  sul cui futuro nessuno dice nulla di concreto. Come poco si è capito di ciò che  accadrà  all'attuale servizio di trasporto pubblico su gomma; si parla di tagli  al settore a partire già  dal mese prossimo e fino a fine 2017. Tutto ciò in  attesa che ad inizio 2018 la nuova Agenzia di bacino indica le gare per le  nuove concessioni del servizio per le quali non si capisce ancora chi  concorrerà, per quali linee, per quali servizi e a fronte di quanti  finanziamenti destinati al settore.

     

     

Ancora non chiara è anche la vicenda del  raddoppio della SS415 per la quale restano i nodi dei fondi per i lavori nel  tratto di competenza della Provincia di Lodi e dell'ok dal Ministero delle  Infrastrutture per il progetto del ponte sull'Adda a Spino. Relativamente poi  ai lavori del tratto "incrocio Cerca" e "rotonda Teem", di competenza di Città   Metropolitana, si attende di conoscere l'impresa vincitrice dell'appalto ed il  ribasso d'asta dello stesso per così finanziare l'eliminazione degli incroci a  raso a Conterico e a S. Donato. Ma se il ribasso d'asta non fosse sufficiente  per l'esecuzione di questi lavori? Mah. . . .

     

     


        Come ci si è infine salutati?  Con l'unica richiesta che fosse plausibile fare in quel contesto. Richiesta  fatta, a nome degli amministratori locali presenti (di S. Donato, di Spino  d'Adda, di Crema, di Zelo B.P.) ed a nome del nostro circolo, dal Sindaco di  Paullo Lorenzini. Una richiesta per un tavolo di coordinamento permanente per  la risoluzione dei problemi di mobilità  dei comuni dell'asse della Paullese con  tutti i soggetti interessati: Ministero delle Infrastrutture, Regione  Lombardia, Città  Metropolitana, Province di Lodi e Cremona e comuni.

     

Non una  richiesta nuova, peraltro!

     

   


[legambiente-Arcobaleno] |

13/04/2017
Il cittadino di Lodi 13 aprile 2017



[legambiente-Arcobaleno] diconodinoi |

13/04/2017

Melegnano, Legambiente lancia le proposte "verdi" ai candidati delle amministrative


       

Bisogna recuperare le aree dimesse, da quella del  Consorzio Agrario alla ex filanda. E a San Donato è opportuno rilanciare  la stazione delle biciclette
IL GIORNO di ALESSANDRA ZANARDI
        Ultimo aggiornamento: 13 aprile 2017
        Alessandro Meazza, presidente della locale sezione  di Legambiente

Alessandro  Meazza, presidente della locale sezione di Legambiente

Melegnano  (Milano), 13 aprile 2017 - A Melegnano bisogna recuperare le aree  dismesse, da quella del Consorzio Agrario alla ex filanda. A San Donato è  opportuno rilanciare la stazione delle biciclette e fare un  censimento sulla qualità  dell'aria. A Dresano è importante promuovere nuove  campagne informative per favorire la corretta raccolta dei rifiuti.

Il circolo  locale di Legambiente lancia una serie di proposte ai candidati sindaci dei  Comuni che vanno al voto, sperando che i politici possano raccogliere la sfida  e inserire i temi di carattere ecologico-naturalistico nei propri programmi.

Come annuncia  il presidente locale del sodalizio Alessandro Meazza, gli argomenti evidenziati  saranno il filo-conduttore di una serie d'incontri pubblici, che verranno  promossi nei singoli territori, per un confronto tra i candidati. Nella loro  disamina, gli esponenti dell'associazione hanno individuato sette  macro-aree oggetto d'interesse: consumo di suolo, efficienza  energetica, mobilità, conservazione dei beni culturali, gestione dei rifiuti,  Parco Sud e fiume Lambro.
All'interno  di questi comparti, si è cercato d'isolare alcune priorità.

A Melegnano, ad  esempio, il consumo di suolo zero dovrebbe tradursi nel recupero dei siti  dismessi, mentre il tema della mobilità  dovrebbe declinarsi nella  pedonalizzazione del centro storico e nell'attivazione di un bus-navetta  per collegare fra loro i punti nevralgici del territorio, dal  Comune alle scuole fino al vicino ospedale. Ancora. Urge valorizzare gli  edifici storici, dal castello mediceo alla palazzina Trombini, e fare pressing  sulla Regione per il mantenimento e il potenziamento della linea ferroviaria  S12.

Uno  sguardo a San Donato, dove si chiede la diminuzione  delle volumetrie previste nei piani edilizi De Gasperi e Pratone.  Non solo. Legambiente invita a tenere sotto controllo l'impatto che si avrà  con  la creazione del nuovo palazzo dell'Eni e del nuovo albergo oltre l'autostrada;  segue l'appello ad evitare la realizzazione della bretella Paullese-Monticello,  anche in considerazione dell'esistente area gattile. Prioritaria, per gli  ecologisti, l'istituzione di una fermata ferroviaria a Poasco.

Ai  candidati di Dresano si chiede di completare l'iter già  avviato dal Comune per  l'ottimizzazione dell'illuminazione pubblica e di sensibilizzare la  popolazione a un corretto conferimento dei rifiuti, anche allo scopo di  combattere gli scarichi abusivi. Sul fronte del Parco Sud, è imprescindibile la  tutela e il rilancio dei beni rurali e naturalistici, dal Mulino Vecchio a  Cascina Belpensiero. Alla futura classe politica si domanda anche la creazione  di due parchi, a seguito della recente urbanizzazione di altrettanti lotti.

   

[legambiente-Arcobaleno] diconodinoi |

09/04/2017
FINALMENTE IN REGIONE A PARLARE DEL PROLUNGAMENTO DELLA MM3 A PAULLO!

          

       

A più di un anno dalla richiesta  di audizione presso la Commissione Trasporti del Consiglio Regionale, è  finalmente arrivata la convocazione per giovedì 13 aprile alle ore 16,00!  

     

Parteciperanno alla seduta i rappresentanti del nostro Circolo, promotori della  raccolta di firme svolta attraverso questo sito, ed una delegazione di Sindaci  dei comuni dell'asse della Paullese.

     

Con l'occasione cercheremo di allargare  l'orizzonte dei temi trattati anche ai problemi del trasporto pubblico su gomma  ed anche al termine dei lavori di raddoppio della SS415.

     

Da parte nostra  abbiamo anche richiesto la presenza all'audizione dell'Assessore Alessandro  Sorte; ci farà  particolarmente piacere incontrarlo visto che in passato ha  sempre declinato i nostri inviti per la partecipazione alle assemblee pubbliche  da noi organizzate nel territorio del sud-est Milano e dell'Adda Martesana.  

     

Ringraziamo sin d'ora i consiglieri Alloni e Fossati che, in passato e nei mesi  più recenti, si sono spesi per raggiungere questo obiettivo.

   


[legambiente-Arcobaleno] |

01/04/2017
ECCO COME MIGLIORARE IL SERVIZIO DI AUTOGUIDOVIE: PARLANO I SINDACI DI TRUCCAZZANO E DI CASSANO D'ADDA. ED ANCHE I DATI DEL NOSTRO SONDAGGIO, NATURALMENTE.

       
       


        Venerdì  sera abbiamo partecipato ad una bella  occasione di confronto a Truccazzano. Erano presenti, in qualità  di relatori,  il locale Sindaco Luciano Moretti, il primo cittadino di Cassano d'Adda e  consigliere metropolitano Roberto Maviglia, la consigliera regionale Silvia  Fossati e la rappresentante dei Circoli Adda Martesana di Legambiente Erika  Grandi.
        La serata si è aperta con  l'intervento del "padrone di casa" Moretti. Egli ha focalizzato gli aspetti critici  del collegare i vari nuclei urbani del proprio comune (Albignano, Corneliano,  Cavaione e Truccazzano stesso)  tra loro ma  anche di veicolare il traffico delle linee di autotrasporto verso le stazioni  del passante ferroviario di Cassano e Trecella piuttosto che verso la strada  Rivoltana e Melzo. Moretti ha anche poi chiesto una maggior attenzione ai  servizi ed alle corse per gli studenti medi, troppo spesso costretti a fare  sacrifici non accettabili per raggiungere casa al termine delle lezioni.

     


        A seguire è intervenuto Maviglia.  Nella sua qualità di consigliere metropolitano ha descritto le difficoltà   (economiche ed organizzative) ed i ritardi che han portato l'Agenzia per il  Trasporto Pubblico del bacino  a divenire  realmente operativa solo da poche settimane. L'aspettativa ora è che questo  nuovo ente - deputato alla programmazione, all'assegnazione ed al controllo dei  servizi di autotrasporto - recuperi il tempo perso e possa procedere entro la  fine dell'anno a stilare il nuovo piano di bacino e ad emettere i nuovi bandi  di gara per le concessioni dei vari servizi nel 2018. Questi 2 "passaggi"  risulteranno fondamentali; il primo per assicurare che le esigenze dei  territori vengano tenute in debito conto ed il secondo per garantire che i  servizi siano eserciti in modo migliore e più integrato rispetto al passato.  Come Sindaco di Cassano Maviglia poi ha posto il tema del collegamento tra il  centro abitato e la stazione ferroviaria.   Serve una navetta il cui capolinea coincida proprio con il luogo in cui  passano i binari della linea delle FS Milano-Treviglio, e/o la revisione  del percorso della linea Z405.
        La legambientina Erika Grandi ha  illustrato i dati del nostro sondaggio su Autoguidovie. Quest'ultimi hanno  colpito la platea ancora una volta, ed hanno mostrato a tutti le motivazioni  pur cui il servizio è così scarsamente attrattivo. Del merito di questi numeri,  nei precedenti post qui pubblicati, abbiamo ampiamente parlato negli ultimi  mesi e ad essi vi rimandiamo per la loro conoscenza. Grandi ha concluso ponendo  l'accento sul diritto alla mobilità di tutte le fasce della popolazione, anche  e soprattutto le più deboli, che non può essere ulteriormente mortificato.

        Silvia Fossati  poi ha approfondito il tema del difficile  avvio d'attività  della Agenzia TPL di Milano, Lodi, Pavia e Monza . Mancano  risorse materiali ed umane - ha detto - per garantire gli stessi livelli di  servizio attualmente erogati.  Ciò è da  imputare principalmente alla Regione che non ha ancora trasferito i fondi per  l'anno corrente all'Agenzia  per i  servizi. Ma ciò è anche da imputare agli altri enti azionisti di Agenzia TPL,  cioè alle Province ed ai comuni capoluogo, per il mancato conferimento del  personale alla nuova struttura. Fossati ha infine auspicato che la nuova  Agenzia possa anche creare un coordinamento con Trenord per l'integrazione dei  servizi, delle tariffe e degli orari delle corse tra treni e bus nei vari  territori.
        Si è dato poi spazio agli  interventi del pubblico presente in sala, una decina in tutto. Tra gli altri  hanno parlato l'Assessore alla mobilità  di Settala Claudio Ferretti ed il  presidente del Circolo Arcobaleno di Legambiente Alessandro Meazza. Il primo,  che oltre ad essere un amministratore locale è anche un conducente di  Autoguidovie,  non ha risparmiato  critiche alla sua azienda per come sono stati organizzati servizi e linee e  scelti i capolinea e gli hub. Egli ha fatto l'esempio eclatante della disparità   tra Liscate ed i comuni limitrofi proprio in termini di frequenza di corse  effettuate e di coinvolgimento di quel piccolo centro (circa 4.000 abitanti..)  in molte, troppe linee. Il secondo ha ricordato che a tutt'oggi in Lombardia si  spende più di un miliardo di euro l'anno per il trasporto pubblico. Non una  cifra banale, quindi. Certo altro ancora servirebbe, anche per assicurare un  maggior investimento sul hinterland milanese e sulle altre province visto che  ben 650 milioni circa sono destinati alla sola città  di Milano. Ma servirebbe  anche una attenzione maggiore alla qualità  dei servizi resi dalle società di  trasporto a cui è legittimo chiedere di più in ragione dei rilevanti  contributi  pubblici ricevuti. 

     

   

[legambiente-Arcobaleno] |

Ricerca
Petizione : hanno firmato in 11141

Vai alla pagina con le firme Qui

 



Calendario

Archivio


Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017


valid css

Per contributi suggerimenti ed altro:

webmaster@prolungalametro.it

info@prolungalametro.it

Statistiche